In HIM we Trust

Lavoro Sporco: il chitarrista degli HIM, Mikko Lindstrom parla di strumenti, influenze e molto altro.

 I finlandesi goth rockers HIM sono protagonisti nel tour in U.S, suonando canzoni dal loro repertorio generale, che include il loro nuovo album Tears on Tape.

Il tour è iniziato il 7 marzo all’House of Blues Sunset Strip a Los Angeles. Poche ore prima dello show, il chitarrista Mikko “Linde” Lindstrom ha parlato a Guitar World circa i suoi strumenti, i suoi chitarristi preferiti e le cover e molto altro.

GW: Stasera è il tuo primo spettacolo di questo tour. Come ti senti oggi?

Ho un po’ di jet-lag! Abbiamo volato ieri dall’Australia, dove abbiamo partecipato al Soundwave Festival tour per circa due settimane. E’ stato un po’ un volo killer, per questo siamo un po’ stanchi, ma molto eccitati per questa sera.

Il tour negli U.S. con gli Anathema dovrebbe essere carino, perché avete cercato di fare questo tour da un po’ di tempo.

Sì, l’ultima volta abbiamo dovuto annullare perché il cantante si era ammalato, ma siamo tornati e abbiamo suonato con gli Anathema un bel po’. Loro sono dei ragazzi simpatici e amiamo la band.

Per quanto riguarda il vostro gruppo, cosa state cercando di fare esattamente?

E’ un po’ un mix di ogni cosa. In realtà abbiamo aggiunto alcune vecchie canzoni del primo album e piccole sorprese qui e là. Ma ovviamente, stiamo suonando anche canzoni tratte dall’ultimo album.

Il vostro catalogo più vecchio è stato ristampato in digitale e sta uscendo come edizione deluxe. Questo dovrebbe essere bello per i vostri fan più giovani che prendono in ritardo e non trovano gli album vecchi nei negozi.

Si esattamente. Non sono mai stati rilasciati qui prima correttamente, quindi dovrebbe essere una buona cosa.

Qual è la tua attuale attrezzatura?

Ho un doppio amplificatore a due teste Laney e un Peavey 5150.Il 5150 è la parta principale e uno delle due Laneys ha un Octafuzz Multiplexer e l’altra ha un pedale Pharaoh. E’ un complesso ed è come un grande macello sostanzialmente (ride). Nello studio noi cambiamo sempre un po’ di cose come piccole combinazioni e proviamo ad ottenere i suoni più strani possibili e mischiarli. Non abbiamo registrato molte tracce questa volta ed io ho solo suonato con la mia SG da una parte e con la Fender Tele da un’altra, usando diverse configurazioni con entrambe.

Ho letto che hai semplificato il tuo allestimento per il vostro album recente.

Sì, non suono più roba pulita. Ho semplicemente una configurazione e una modalità distorta con tutti i pedali fuzz. Così ho solo un interruttore ed è fatta (ride).

Scommetto che è una specie di unione di suoni live e studio, giusto?

Sì, è praticamente lo stesso suono.

Quando dici che non fai più parti pulite, intendi dire che non suoni più la chitarra acustica?

Non lo faccio. In questo periodo Ville suona l’acustica, perciò è lui che si prende cura di questo.

Come si è sviluppato ed è cambiato il tuo ruolo come chitarrista nella band nel corso degli anni?

Non sono sicuro che il mio ruolo sia cambiato molto, ma più invecchio più divento sicuro. Suono molti assoli e faccio qualcosa di merda di più ora. Credo che il mio ruolo sia stato sempre quello di creare un grande muro di confusione, merda distorta (ride).

Quindi fai il lavoro sporco.

Sì, esattamente, sono felice di questo (ride).

Oltre agli HIM, hai intenzione di inseguire altri progetti?

Ho un progetto parallelo chiamato Daniel Lioneye. Ho prodotto due album con questo e il prossimo è quasi pronto ora. Non so quando uscirà, ma suona bene!

Credo che sei stato coinvolto nel progetto all-star WhoCare; Hanno fatto un album per raccogliere fondi per beneficienza. Questo progetto ha illuminato Ian Gillan, Tony Iommi, Nicko McBrain e altri. Come sei stato coinvolto e come è stato condividere un processo creativo con quelle persone?

Bene, è stato straordinario. In effetti  non ho visto nessuno dei ragazzi (ride). Non eravamo insieme nello studio. Ma mi è stata data semplicemente una canzone e Tony era come “Vuoi aggiungere qualcosa a questa?” Io ho detto, sì, certo! E poi sono andato nel suo studio per due ore e quello è stato tutto.

Non dovete incontrare più nessuno. Potete solo mandare file in giro.

Sì, questo è il modo in cui va (ride). Certamente, si ha una vibrazione diversa ma è carino fare queste piccole cose speciali in questo modo di tanto in tanto.

Parlando delle tue preferenze, quale chitarrista vorresti citare e come si è sviluppato ciò che hai ascoltato nel corso degli anni?

Bene, ci sono un sacco di chitarristi che ho ascoltato. Ho iniziato con band come i Kiss e roba del genere, ma Steve Vai è stato il primo eroe chitarrista per me quando avevo 13 o 14 anni. Poi sono arrivato ai Sabbath e il lato tecnico non era così importante per me come lo era quando ho iniziato.

Sono arrivato a Josh Homme of Queens degli Stone Age e poi a Iggy Pop. Lui non è mai stato come un impressionante, brillante chitarrista ma amo l’atmosfera della musica. E poi Jimi Hendrix ovviamente. Tutto ciò ha avuto degli effetti sul mio modo di suonare in qualche modo. Avevo l’abitudine di sentire un sacco di blues, anche. Sono un suonatore di blues a cuore.

Quando hai iniziato come musicista, sono sicuro che hai improvvisato alcuni brani. Quali sono alcune canzoni che hai suonato alla chitarra?

In realtà, quando abbiamo iniziato con gli HIM, il nostro primo spettacolo è stato un concerto di cover dei Type O Negative così noi avevamo l’abitudine di suonare molto quelle canzoni. Certamente, abbiamo provato anche altre cover, roba come Wicked Game e cover di Madonna e tutte queste canzoni anni Ottanta e le abbiamo convertite in metal. Questo è ciò che eravamo abituati a fare.  

heart

Traduzione italiana a cura di Claudia Micacchioni- Revisione a cura di Katia Arduini

Fonte
“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

 

Posted by H_T

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...