In HIM we Trust

Hall of Fame: HIM- Love Metal

“Love Metal” è stato il disco che avrebbe definito gli HIM, trasformandoli da paria finlandese a una delle maggiori rock band del pianeta. Dopo undici anni e prima della loro apparizione al Sonisphere il prossimo fine settimana, vi raccontiamo la sua storia.

“Love Metal” è stato inserito  nel Rock Sound Hall of Fame al numero 174.

heart

Love Metal

Data di Rilascio: 14 Aprile 2003

Etichetta: BMG

Produttori: Hiili Hiilesmaa e Tim Palmer

Gruppo: Ville Valo (voce) Mikko Lindstrom (chitarra), Janne Puurtinen (tastiera), Mikko Paananen (basso), Mika Karppinen (batteria)

Grafica: Ville Valo.

Mentre i loro primi tre album avevano portato loro successo in Europa e nel loro Paese natio, all’inizio del 2003 abbiamo trovato gli HIM dietro a sconosciuti in gran parte del mondo di lingua inglese. Tuttavia Ville Valo e il resto degli HIM hanno cambiato tutto questo…

 

Ville Valo (voce): Love Metal è stato il nostro primo album a cui qualcuno si è interessato in UK. Prima di questo la gente ci odiava- ci sputavano addosso! Dopo che è uscito, la gente ha iniziato ad interessarsi  a quello che facevamo.

Mikko ‘Migé’ Paananen (basso): Venivamo fuori da un periodo veramente confuso e quell’album ha riunito tutto.

Ville Valo: “Il precedente disco (Deep Shadows and Brilliant Highlights) è stato una terribile esperienza per noi, visto che ci siamo ritrovati a registrare per circa 11 mesi durante un tour. Le case discografiche ci stavano costantemente addosso perché le cose iniziavano ad andare bene e noi abbiamo pensato che potessimo scorreggiare un album.  Non ha funzionato del tutto in questo modo (ride!) Il nostro tastierista è uscito dal gruppo nel frattempo e ne abbiamo cercato uno nuovo… E’ stato davvero molto stressante. Quando abbiamo iniziato a lavorare, dopo tutto questo,  abbiamo dovuto rivalutare ogni cosa su noi stessi, dove volessimo andare e come volessimo essere. Abbiamo iniziato a pensare di nuovo ai Black Sabbath.

Mikko ‘Linde’ Lindstrom (chitarra): “ Io ricordo molto vagamente che mi sentivo veramente fiducioso- forse anche un po’ troppo sicuro- col mio modo di suonare a quei tempi, per qualche strana ragione. Forse perché stava per nascere mia figlia e mi sentivo un uomo, per una volta”

Migé Paananen: Quell’album è venuto fuori da noi, mentre eravamo bloccati, mentre sbattevamo la testa e sudavamo in sala prove. Abbiamo  ottenuto tutti i più grandi riff che potevamo insieme e li abbiamo messi lì.

Forte e con un fuoco più creativo che mai, gli HIM si sono messi al lavoro con i produttori Hiili Hiilesmaa e Tim Palmer. Con la stella di Jackass, Bam Margera, che li ha fatti risuonare negli US, ogni cosa sembrava essere impostata per un triofo…

 

Ville Valo: “Noi sentiamo sempre che il nuovo album è quello definitivo e per ‘Love Metal’ non era diverso, ma quella volta la cosa si è avverata. Ci siamo sentiti forti, come un gruppo di fratelli. C’era un sacco di energia positiva nell’aria- o almeno tanta quanto si può ottenere con un gruppo cupo come noi.”

Hiili Hiilesmaa (produttore): “ Quella è stata una sessione molto speciale e (allo stesso tempo) l’America iniziava ad aprirsi di settimana in settimana. Bam Margera stava provocando un enorme rumore sulla band. Il materiale era molto potente e noi abbiamo avuto una chiara visione su come svilupparlo.”

Migé Paananen: “E’ stato davvero magico il modo in cui si è riunito tutto. C’era una sensazione davvero strana alla sessione che ci ha aiutato veramente a catturare la giusta atmosfera. Hiili portava dentro tutte queste maschere di animali- il ricordo più vivido di quel tempo è questa immagine di Hiili, con indosso nient’altro che una maschera di pollo. Mi ha perseguitato da allora!”

Ville Valo: “ Io ricordo che scrivevo molte canzoni quando avevo la febbre molto alta, quindi ci sono voluti anni per capire cosa stavo realmente cantando! Non ricordo molto di tutto ciò. C’era una linea molto molto sottile che si avvicina alla commedia.”

Migé Paananen: “ Abbiamo discusso per un po’ se mettere il logo dell’Heartagram sulla copertina. L’ho amato dal primo momento in cui l’ho visto- sono stata la prima persona al mondo a tatuarlo. Il tatuatore era come ‘Che diavolo è questo, un cuore con le stampelle?’ Questo non ha aiutato la nostra decisione!”

Ville Valo: “ Io sinceramente credo che l’Heartagram sia il miglior lavoro che abbia mai fatto. Dopo che l’album è uscito e Bam Margera lo ha tipo adottato, il simbolo si è diffuso così rapidamente, fino al punto che trascende del tutto la nostra band. Ci hanno anche chiesto perché abbiamo rubato il logo di Bam, precedentemente! Abbiamo trovato l’identità della band su quel disco, così in quel senso era importante avere l’Heartagram sulla copertina. Era come uno stemma così come il nostro modo di ringraziare Black Metal di Venom.”

Linde Lindstrom: “Io amo l’Heartagram! Ciò che lo rende interessante è il fatto di essere così semplice come un’altra versione dello Yin e Yang. Non hai nemmeno bisogno di essere un fan degli HIM per apprezzarlo.”

Ville Valo: “ Ricordo l’energia più di ogni altra cosa. L’abbiamo mantenuta andando avanti e indietro. E’ stato come se fossimo inarrestabili. Sembrava di essere a Las Vegas e avere una buona notte alla roulette- ogni cosa arrivava insieme.  La fortuna è un grande fattore nella musica e quello fu un momento fortunato per noi.”

Con l’album finito gli HIM erano finalmente pronti per portare il loro suono unico ed estetico ad un livello mondiale.  Non avrebbero mai dimenticato la follia che è seguita – e nemmeno i loro fegati….

 

Ville Valo: “ Bam Margera ci ha portato a Los Angelese per girare un video per ‘Buried Alive by Love’, con Juliette Lewis. Eravamo come una squadra di vagabondi, vagando per le strade di Los Angeles e passando il tempo al Groucho Club ogni giorno. E’ stato bizzarro. Ridevamo costantemente per quanto tutto fosse surreale, viaggiando da una Mecca rock ‘n’ roll ad un’altra.”

Migé Paananen: “Dopo l’uscita di Love Metal abbiamo iniziato ad avere molta più attenzione da parte delle case discografiche: ognuno cercava di prendersi un pezzo di noi. Andavamo a colazione nei palazzi di questi leggendari magnati di musica e andavi al bagno guardando una foto di loro che erano usciti con John Lennon.”

Ville Valo: “‘Love Metal’ ci ha anche aperto il Regno Unito ed è importante essere riconosciuti lì. Se piaci nel Regno Unito nessuno può dire che la tua band è una merda. Trascorrerci del tempo è stato formativo, e una formazione che è stata decisamente negativa per il fegato!”

Migé Paananen: “ Abbiamo volato in tutto il mondo per suonare e girare video e fare stronzate con Bam. Abbiamo fatto il video di ‘the Sacrament’ in questa vecchia villa a Praga, dove i nazisti avevano l’abitudine di tenere queste orge disumane- e (le riprese video) ‘The Funeral of Hearts’ è stato ancora più intenso. Siamo andati nel Mar Glaciale Artico, al centro di tutte queste montagne ghiacciate e Ville era su una barca a remi alle cinque del mattino quando c’erano circa 35 gradi sotto zero. Il regista continuava a dire ‘Rema ancora, rema oltre!”

Ville Valo: “E’ stata la prima volta in cui abbiamo messo veramente a fuoco e diretto una registrazione perché prima non avevamo la minima idea di quello che facevamo. Quello era ciò che eravamo, dicevamo: ‘ Questo è ciò che siamo, questa è l’essenza degli HIM’ L’abbiamo catturata veramente.”

Linde Lindstrom: “Sono assolutamente delle bellissime canzoni molto spericolate, troppo sicuro nel suonare la chitarra, troppo. E’ senza dubbio tra i nostri primi quattro album, secondo me.”

Hiili hiilesmaa: “Io penso che suoni senza tempo, come molti loro album. Abbiamo avuto alcuni momenti veramente speciali quando abbiamo fatto quelle tracce.”

Migé Paananen: “Le stelle si sono allineate con ‘Love Metal’”

Ville Valo: “E’ stata la colonna sonora di un tempo colorato e passato molto velocemente  nelle nostre vite. Noi siamo passati dal fare piccoli passi a farne uno da gigante e mi piace ancora suonare alcune di quelle canzoni. E’ un album veramente speciale.”

 

 heart

 

Traduzione italiana a cura di Claudia Micacchioni – Revisione Katia Arduini e Floriana Pugliese.

 

Fonte
“E’ vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

Posted by H_T

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...