In HIM we Trust

Gli HIM stupiscono il New Jersey con Motionless In White & Wounds

Quale modo migliore di fuggire alla noia delle vacanze se non un viaggio nella beatitudine del Gothic Metal con tre band raggruppate in modo improbabile. Inizialmente partito come voci all’inizio dell’autunno del 2014, è stato presto confermato che i finlandesi HIM sarebbero tornati nel Nord America per la seconda volta nello stesso anno in occasione del Love Metal Archives Tour, con il supporto della band di Scranton, Pennsylvania, Motionless in White per otto date a metà dicembre. Gli HIM, una delle rock-band europee più amate, hanno toccato il suolo degli States in un tour più lungo con i britannici Anathema nella prima parte dell’anno, per supportare il loro album del 2013 Tears on Tape. A seguito del grande successo, si sono concentrati per commemorare e celebrare la loro illustre carriera, mostrando un nuovo cofanetto di vinili in edizione limitata dell’intero catalogo della band tramite The End Records il 23 di dicembre.

Quando gli è stato chiesto della pubblicazione speciale, il vocalist degli HIM Ville Valo ha detto, “Ci sentiamo davvero fortunati nel vedere che alla nostra prole sonora di un tempo viene data nuova vita negli U.S.A tramite la End Records, la casa di molti dei nostri idoli musicali, sia vecchi che nuovi. I famigerati archivi del love metal sono stati ampliamente perlustrati da noi alla ricerca di rare, esclusive e decisamente spaventose pepite musicali per un’esperienza nella malinconia finlandese senza eguali, quindi per favore consideratevi avvertiti.”

Partito in grande stile al Webster Hall di New York City il 9 di Dicembre, il tour li ha trovati allo Starland Ballroom di Sayreville, New Jersey martedì 11 dicembre 2014 per la terza tappa, che segna il loro ritorno per la prima volta dal Rock Allegiance tour del 2013. Conclusa l’eccitazione, una folla si è raccolta, pronta a fare Rock and Roll tutta notte.

Un’aggiunta all’ultimo momento alla scaletta del tour, è stata quella della band di Dublino, Irlanda, Wounds.

La combinazione di un sound Death Punk con testi misteriosi, indimenticabili, ha fatto si che questa giovane band sia sulla giusta via per farsi un nome internazionale dopo aver passato del tempo in tour con i Finch, poi partecipando ai loro show come headliners dal 1 al 7 di Dicembre. Nonostante siano insieme solo da tre anni, i membri Craig McCann (batteria), Steve Lucarelli (basso), insieme ai fratelli James (chitarra) e Aiden Coogan (voce) hanno dimostrato che hanno il cuore e il sound di una band memorabile. Con il look grunge e spettinato, i ragazzi sono saliti sul palco, pronti a riversare la loro passione e il loro carisma in ogni canzone che hanno suonato. Non si può negare l’intensa emozione del cantante Aidan quando è caduto in ginocchio e poi sulla schiena mentre cantava durante il concerto. Il successo del loro album di debutto, Die Young, li ha preceduti, e i fans tra la folla hanno applaudito e cantato canzoni come il singolo “Dead Dead Fucking Dead.” Intriganti ed energici, i Wounds hanno fatto uno show incredibile. Lasciando il palco, i Wounds hanno lasciato la folla carica e pompata per il resto della serata.

Poi è stata la volta dei carismatici e sempre eccitabili Motionless in White. Fondati nel 2005, i Motionless in White hanno causato molto scalpore nel mondo del Rock, afferrando il cuore dei fans al primo ascolto. Il loro ultimo album, Reincarnate, è stato rilasciato lo scorso settembre, con grande intrigo di tutti i fans del Metal. Destinati a un ulteriore successo nel 2015, i Motionless in White hanno dato vita a una performance che l’audience del New Jersey non dimenticherà tanto presto. Tra ombre e sfumature di blu inquietanti, si è svolta l’attesa di Devin “Ghost” Sola, che, quando è arrivato, indossava un abito nero da cerimonia e teneva in mano un’unica candela accesa che ha spento appena è iniziata la carica emotiva di “Everyone Sells Cocaine”. I membri della band Ricky Horror (chitarra ritmica), Ryan Sitkowski (chitarra solista), e Joshua Balz (tastiere) hanno battuto sui loro strumenti con precisione e dedizione seguendo il cantante Chris Motionless. Motionless, un vero frontman in tutto e per tutto, ha corso avanti e indietro per tutto il palco, urlando e cantando mentre i fans lo adulavano per attirare la sua attenzione durante brani come ”A-M-E-R-I-C-A”, l’ispirata “Unstoppable”, così come il singolo “Reincarnate”, tra gli altri. Chiudendo il concerto con “Devil’s Night”, i fans chiedevano di più, ma hanno trovato conforto nel sapere che questi guerrieri della strada torneranno nel 2015 con un tour più lungo. Se non altro, i Motionless in White hanno messo insieme una performance live infernale che è stata sicuramente gradita da tutti.

Finalmente è arrivato il momento in cui HIM da Helsinki sono saliti sul palco. Originariamente conosciuti come His Infernal Majesty, l’auto-proclamata Love Metal band HIM è stata formata nel 1991 dal vocalist Valo, dal chitarrista Mikko “Linde” Lindstrom e dal bassista Mikko “Mige” Paananen, aggiungendo presto Janne “Emerson Burton” Puurtinen alle tastiere e Mika Karppinen alla batteria. Hanno raggiunto il disco di platino in Finlandia con cinque dei loro otto album in studio, il loro album del 2006 Dark Light è diventato d’oro negli USA, facendo di loro la prima band finlandese a ricevere quest’onore. Visto che sono star internazionali, le visite della band negli USA sono sempre eventi per la loro fan base più accanita, e lo Starland Ballroom era pieno fino all’orlo in anticipo aspettando il loro arrivo sul palco.

Le luci blu e viola hanno bagnato la band di colori freddi come una caverna artica di ghiaccio appena Valo è salito sul palco, aprendo con “The Sacrament”. Appena tutti hanno sentito le inequivocabili note iniziali di “Razorblade Kiss”, il ruggito del rumore è diventato assordante non appena le urla di eccitazione hanno riempito l’aria. Scorrendo senza soluzione di continuità come l’acqua, gli HIM hanno tenuto alta l’energia con hit come “Right Here in My Arms”, “Your Sweet Six Six Six”, e la loro cover inconfondibile del pezzo di Chris Isaak “Wicked Games”. Rapidamente ha iniziato a figurarsi una delle perfomance maggiormente bilanciate, evidenziando la storia della band, nessuno poteva trattenersi con le seguenti “Gone With the Sin”, “Soul on Fire”, “Heartache Every Moment”, “Buried Alive By Love” e “Rip Out the Wings of a Butterfly”. Ispirati dalla reazione della folla, Valo e compagni hanno suonato potenti, tesi e colorati come sempre.

Col procedere della performance, ci è voluto poco prima che i fans iniziassero a cantare, perdendosi nel momento. Valo, appassionato nel suo ruolo, ha cantato “Poison Girl”, “Killing Loneliness”, la canzone nuova “No Love” e “Join Me in Death.” Stando alla selezione di canzoni e alla lunghezza del concerto, sarebbe facile pensare che Valo fosse stanco, ma è impressionate come il vocalist abbia tenuto le sue corde vocali fresche e vive tutta la sera. Quando la serata stava volgendo al termine con “When Love and Death Embrace”, il pubblico ha chiesto di più, non volendo lasciar andare gli HIM. È stato in questo momento che gli HIM hanno shockato l’audience con un’elettrizzante cover del brano di Billy Idol “Rebel Yell” come bis.

Non molte band possono recarsi in un paese straniero e prosperare, ma ancora una volta gli HIM hanno dimostrato che loro possono. Con show sold out in tutti gli Stati Uniti, i fans hanno accolto questi nativi di Helsinki a braccia aperte. Love Metal Archives Tour, in breve, è stato facilmente uno dei migliori tour negli States della band nella loro carriera. Speriamo che tornino al più presto qualche volta nel 2015.

heart

Traduzione italiana a cura di Katia Arduini – Revisione Claudia Micacchioni.

Fonte

“È vietata la riproduzione anche solo parziale di questo articolo/traduzione, sia in formato cartaceo che telematico, senza indicarne provenienza, senza chiedere l’autorizzazione agli autori o i dovuti crediti al Blog.”

Posted by Heaven_T

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...